Politica sulla proprietà di azioni da parte dei dirigenti

Rettificata 4 settembre 2007

Finalità

La Politica sulla proprietà di azioni da parte dei dirigenti di Pitney Bowes Inc. (la "Politica") ha il seguente scopo:

Sottolineare il collegamento tra i dirigenti e gli interessi a lungo termine degli azionisti;

Migliorare l'immagine della Società comunicando apertamente a investitori, prestatori, analisti di mercato e al pubblico il fatto che gli interessi dei dirigenti sono legati direttamente al successo a lungo termine della Società attraverso l'investimento di capitale personale in azioni della Società.

Ai fini della presente Politica, si considerano dirigenti i Vicepresidenti e posizioni superiori (fascia G e superiori nella struttura organizzativa della Società).

Dirigenti destinatari

I dirigenti che sono funzionari ai sensi della sezione 16 del Securities Exchange Act del 1934 (i "dirigenti destinatari") devono accumulare azioni della Società con l'obiettivo di raggiungere livelli di proprietà basati su un multiplo del salario e un tasso di mantenimento delle azioni possedute o delle azioni acquisite mediante esercizio o maturazione delle stock option o proprietà di azioni vincolate e/o unità di azioni vincolate.  La posizione relativa alla proprietà per i dirigenti destinatari sarà riferita al Comitato per la remunerazione dei dirigenti su base annua.

Il componente multiplo del salario è come segue:

 

Titolo

Multiplo del salario base

 

Chief Executive Officer

 5x

Presidente esecutivo e/o Chief Operating Officer

 3x

Altri funzionari coperti dalla Sezione 16

 2x

Il numero di azioni che devono essere possedute da un dirigente destinatario è uguale al salario base alla fine dell'anno precedente moltiplicato per il requisito del multiplo del salario diviso per la media del prezzo di chiusura delle azioni ordinarie di Pitney Bowes nell'ultimo giorno di contrattazione dei due anni precedenti.  Per i dirigenti internazionali il salario sarà convertito utilizzando la media dei tassi di conversione medi mensili per l'anno in questione.

Il tasso di mantenimento è il 100% dell'utile netto azionario. I dirigenti destinatari devono possedere il 100% delle azioni rimanenti dopo il pagamento del prezzo di trasferimento e delle imposte dovute al momento dell'esercizio e/o possedere il 100% delle azioni vincolate appena maturate dopo il pagamento delle imposte dovute, fino al raggiungimento del requisito del multiplo del salario.

Dopo avere soddisfatto il requisito del multiplo del salario, un dirigente destinatario può vendere azioni acquisite in precedenza sul mercato nonché azioni acquisite mediante l'esercizio delle stock option o la maturazione di premi in azioni vincolate.  Se il dirigente viene promosso a una posizione con un moltiplicatore più elevato, dovrà mantenere azioni aggiuntive. In conformità alle linee guida sulla best practice di organizzazioni come la National Association of Corporate Directors, i dirigenti destinatari devono bilanciare l'acquisizione di quantità significative di azioni della Società con una parziale diversificazione del portafoglio.  Benché i dirigenti destinatari non siano scoraggiati dall'aumentare il livello assoluto di proprietà di azioni di Pitney Bowes, la Società non desidera che le sue azioni costituiscano una percentuale eccessiva del patrimonio netto di un dirigente. 

Prima di qualsiasi vendita di azioni della Società, i dirigenti destinatari sono tenuti a chiedere autorizzazione come specificato nella Politica aziendale sull'abuso di informazioni privilegiate e a notificare il Chief Executive Officer. I dirigenti destinatari sono inoltre tenuti a rispettare tutte le norme rilevanti sui titoli azionari nella vendita di qualsiasi quota azionaria della Società.

Azioni riconosciute ai fini della proprietà

Le azioni che vengono considerate proprietà del dirigente ai fini della presente Politica includono: 1) azioni direttamente possedute, ossia possedute personalmente o in comproprietà con un coniuge, comprese quelle nel Piano 401(k); 2) azioni possedute ma a titolo fiduciario o a nome di un familiare stretto; 3) 60% delle azioni vincolate, 60% delle unità di azioni vincolate, 60% delle stock option maturate; 4) quote nozionali di azioni della Società possedute nel Piano di risparmio a incentivi differiti e/o nel Piano di reintegro 401(k).

Altri dirigenti

Una parte sostanziale della remunerazione di incentivo a lungo termine di un dirigente viene corrisposta sotto forma di azioni, come meccanismo principale per allineare gli interessi dei dirigenti a quelli a lungo termine degli azionisti. Inoltre, i dirigenti hanno accesso a vari meccanismi che li aiutano a sviluppare la proprietà nel tempo, tra cui: 1) la possibilità di scegliere l'investimento dei contributi equivalenti della società nel Piano 401(k) e nel Piano di reintegro 401(k) in azioni della Società; 2) il mantenimento di azioni acquisite mediante l'esercizio delle stock option o la maturazione di azioni vincolate e unità di azioni vincolate; 3) la partecipazione al Piano di reinvestimento dei dividendi; 4) la possibilità di scegliere un investimento nozionale di azioni della Società nel Piano di risparmio a incentivi differiti della Società.